Molti dei 312 Presìdi italiani di Slow Food a tutela delle produzioni tradizionali e della biodiversità agricola hanno già scelto il bio. Ma al Sana, il 31° Salone internazionale del biologico e del naturale, EcorNaturaSì e Slow Food Italia presentano una nuova alleanza tra qualità della tradizione italiana e rispetto della Terra. Un accordo per diffondere nella rete dei negozi specializzati bio alcuni dei prodotti tutelati da Slow Food attraverso il progetto Presìdi e rafforzare nel contempo l’adozione di pratiche agricole sostenibili e l’approccio etico al mercato. Un patto che avrà come risultato un’ulteriore crescita del biologico sia i termini quantitativi che qualitativi, l’aumento della distribuzione di prodotti tradizionali e delle eccellenze del territorio per evitarne l’estinzione, la tutela del paesaggio e della biodiversità.

Oltre che dai produttori coinvolti, la piccola rivoluzione sarà raccontata da Fausto Jori, amministratore delegato EcorNaturaSì; Francesco Sottile, Comitato esecutivo di Slow Food Italia; Michele Marrano, agronomo EcorNaturaSì. In rappresentanza dei produttori interverranno Dario Brucculeri, Az agr. Golden Grapes, per la cipolla paglina di Castrofilippo e Raffaele Leobilla – Az. Agr. Pietrasanta, per il pomodoro fiaschetto di Torre Guaceto.